Accedi al sito
Serve aiuto?

Attività


progetti e pratiche edilizieLa nostra struttura offre servizi di studio, di valutazione e di progettazione, di coordinamento e di gestione dei lavori con la direzione degli stessi in cantiere, nell'ambito dell'edilizia privata e pubblica.

I settori operativi d'intervento riguardano la costruzione, il restauro e la ristrutturazione edilizia nell’ambito dell’edilizia residenziale, dell’edilizia produttiva artigianale ed industriale, da realizzare anche con l'utilizzo dello strumento denominato S.U.A.P. (Sportello Unico Attività Produttive), l'allestimento degli ambienti di lavoro quali uffici, banche, sedi aziendali, ambienti sanitari, negozi, oltre all’allestimento di strutture ricettive e sanitarie quali alberghi, hotel, residenze sanitarie, ambulatori e studi medici.

La progettazione di nuovi fabbricati si estrinseca partendo da uno studio di fattibilità per nuove soluzioni progettuali e verifica del rispetto della normativa vigente con studio sui materiali e tipologie tipiche del luogo, con lo studio e la predisposizione anche di piani attuativi o piani di recupero.

Il restauro e la ristrutturazione di fabbricati esistenti sono soggetti a studi di fattibilità sia strutturale che estetica in quanto gli interventi che verranno proposti sono volti a conservare il più possibile l’organismo edilizio esistente ed allo stesso tempo hanno l’intento di conseguire il massimo recupero senza inserire elementi tipologicamente estranei all’edificio originario.

In particolar modo si andranno a soddisfare le seguenti normative e le seguenti indicazioni:

  • Forma e dimensioni del fabbricato secondo tipologie esistenti e attigue;
  • Normativa edilizia ed urbanistica (Regolamento Edilizio, Norme Tecniche dei P.R.G. o dei P.G.T.);
  • Normativa in materia di salubrità degli ambienti, in ottemperanza alle disposizioni impartite dalle ASL;
  • Certificazione inerente il risparmio energetico;
  • Isolamento acustico dei fabbricati;
  • Norme antincendio;
  • Disposizioni per favorire il superamento ed eliminarre le barriere architettoniche negli edifici privati.
Lo studio si occupa della direzione dei lavori con la realizzazione di particolari costruttivi tecnici e tavole esecutive per l'avanzamento dei lavori. Una buona attività di coordinamento e di collaborazione con l'impresa che assume l'appalto risulta essere importante per il buon andamento e la buona riuscita dell'opera stessa.
Nella direzione lavori, ed anche nella progettazione sia di nuovi fabbricati da realizzare sia di fabbricati esistenti da recuperare o ristrutturare, trova un significato importante la redazione di computi metrici estimativi il più possibile vicino alla realtà effettiva, in modo tale da poter predisporre un piano finanziario (per società che puntano all'investimento e soprattutto per i privati che realizzano la loro prima casa) adeguato e coerente con l'opera che si andrà a svolgere.

Lo studio si occupa pertanto anche della predisposizione degli stati avanzamento lavori e della contabilità di cantiere durante tutta la fase di esecuzione lavori.

Nella sezione "Realizzazioni" troverete alcuni esempi di progetti realizzati o in corso di realizzazione.


Lo studio grazie alla dotazione di strumentazione topografica e geodetica e di software dedidato per lo sviluppo in ufficio dei dati di rilievo esegue

Rilievi plano-altimetrici                Riconfinamenti               Tracciamenti

di terreni o di aree anche di grandi dimensioni, di tracciati stradali, di rotonde e raccordi stradali, di impianti fognari in genere, di strutture complesse quali ponti e viadotti, di complessi residenziali, industriali, commerciali e agricoli, di cave e discariche, di impianti sportivi, di tracciati e binari ferroviari, anche mirati alla successiva predisposizione di frazionamenti catastali.
 
RILIEVI PLANO-ALTIMETRICI
Servizio rivolto in particolare a PROFESSIONISTI, AZIENDE, COMUNI ed ENTI
Lo studio esegue rilievi plano-altimetrici di terreni o aree anche di grandi dimensioni, di tracciati stradali, di rotonde e raccordi stradali, di impianti fognari in genere, di strutture complesse quali ponti e viadotti, di complessi residenziali, industriali, commerciali e agricoli, di cave e discariche, di impianti sportivi, di tracciati e binari ferroviari, anche mirati alla successiva predisposizione di frazionamenti catastali, fornendo riferimenti sia planimetrici che altimetrici con una situazione aggiornata e precisa dell’area interessata.


rilievi topografia
I rilievi saranno restituiti su carta e/o in formato digitale compatibili con i normali programmi di disegno CAD con estensioni .dwg o .dxf o altri formati in base delle richieste della Committenza.
I rilievi topografici sono particolarmente richiesti, oserei dire indispensabili, per studi e progetti di strade, rotonde, raccordi o ampliamenti di tracciati stradali, fognature, costruzione di complessi residenziali, industriali, commerciali e agricoli, gestione di cave e discariche, impianti sportivi, parchi e giardini, ecc. E' possibile anche la realizzazione di un modello virtuale in 3D dell'area rilevata.
Il rilievo è eseguito con l’ausilio di strumenti elettronici quali i teodoliti con distanziometro integrati.
Gli elaborati forniti a seguito del rilievo possono essere personalizzati e focalizzati per il loro successivo utilizzo.
Il rilievo planimetrico oltre a fornire una dettagliata planimetria della zona può rilevare la posizione di manufatti, edifici comprensivo dell’interno con la restituzione di piante, sezioni e prospetti, oltre alla posizione degl'impianti idrici fognari elettrici ed altro.
L'altimetria del rilievo sarà personalizzata sui punti necessari per la realizzazione dei passi successivi, il dislivello sarà riporto sulla base di alcuni capisaldi individuati sul terreno e considerati inamovibili ed individuati in accordo con la committenza, oltre che riferiti a quote sul livello medio del mare.
Solo a fini esemplificativi si riporta la restituzione grafica di alcuni rilievi eseguiti.
 
ELABORATO 1: Rilievo topografico Santuario (prov. Pavia) e pertinenze.
ELABORATO 2: Rilievo per la redazione di un Piano di Lottizzazione Industriale.
ELABORATO 3: Rilievo per lo studio di un Piano di Lottizzazione per Edilizia Residenziale Pubblica.

 

RICONFINAMENTI
Servizi per privati: chi vuole recintare il proprio appezzamento di terreno ma non è sicuro dove termini la sua proprietà; oppure il vicino ha realizzato un fabbricato o un manufatto su un’area che ritiene di sua proprietà o si ritiene che lo stesso abbia realizzato tali opere a distanza non legale dai confini, lo studio esegue riconfinamenti, di terreni o aree anche di grandi dimensioni, sulla base delle risultanze catastali, atti pubblici o di scritture private in vostro possesso.
Occorre eseguire il riconfinamento per definire esattamente i confini del terreno di proprietà:
  • prima di una vendita o dell'acquisto di un appezzamento di terreno;
  • prima dell'edificazione su un lotto di terreno;
  • per la stima di un appezzamento di terreno;
  • per la redazione di studi preliminari e/o progetti di fattibilità;
  • in caso di liti, cause civili, arbitraggi e perizie immobiliari su fondi rustici.

 

TRACCIAMENTI
Servizio rivolto in particolare a PROFESSIONISTI, AZIENDE, ENTI e COMUNI
Terminato lo studio e la progettazione di un’opera, la stessa va realizzata e pertanto è necessario trasferire quanto elaborato e progettato sul terreno in modo da poter dare inizio ai lavori, lo studio esegue il tracciamento in loco dei nuovi manufatti da realizzare quali tracciati stradali, rotonde e raccordi stradali, impianti fognari in genere, strutture complesse quali ponti e viadotti, complessi residenziali, industriali, commerciali e agricoli, cave e discariche, impianti sportivi, tracciati e binari ferroviari.
I tracciamenti dei manufatti restituiscono in loco l'esatta posizione e la quota di progetto.
I punti necessari per l'esecuzione delle opere di scavo, getto o edificazione saranno materializzate in loco da una serie di picchetti. Saranno poi fornite anche i livelli dei punti individuati e calcolate le quote di progetto degli stessi.
I tracciamenti verranno eseguiti in loco mediante strumentazione elettronica e sulla base di allineamenti e squadri.


Il Catasto rappresenta l'inventario dei beni immobili esistenti sul territorio nazionale ed è la base per le imposizioni fiscali.

Conserva le informazioni relative all'individuazione univoca del bene, alla sua estensione e consistenza, alla destinazione d'uso del bene stesso, al suo grado di produttività e relativi redditi, ai possessori e titolari di altri diritti reali.

Le finalità principali del Catasto sono le seguenti:​
  • l'accertamento della proprietà immobiliare con la gestione delle sue mutazioni;
  • la perequazione fiscale da attuare attraverso la determinazione per ciascuna particella di specifiche rendite che ne rappresentino le principali caratteristiche;
  • individuazione degli immobili nelle compravendite e nelle operazioni ipotecarie.

Inoltre, nel tempo, il Catasto ha fornito un'importante base cartografica per scopi civili, utilizzata anche nell'elaborazione degli strumenti urbanistici. Oggi questa funzione è venuta a scemare anche per l'avvento delle nuove tecnologie per la rappresentazione del patrimonio immobiliare.

Lo studio si occupa di tutte le questioni e di tutte le pratiche riguardanti il Catasto (che attualmente è un settore dell'Agenzia delòle Entrate) quali pratiche di frazionamento, tipi mappali, accatastamenti, visure catastali ed ipotecarie, volture catastali, ecc.

 

Lo studio, grazie alla dotazione di strumentazione topografica adeguata e di software per lo sviluppo in ufficio dei dati di rilievo e con l'utilizzo del software messo a disposizione dell'Agenzia del Territorio e con l'ausilio del sistema telematico fornito dalla società Geoweb, esegue
 
Frazionamenti                         Tipi mappale                         Servizi offerti 
 
di terreni o di aree anche di grandi dimensioni, di tracciati stradali, di rotonde e raccordi stradali, di impianti fognari in genere, di strutture complesse quali ponti e viadotti, di complessi residenziali, industriali, commerciali e agricoli, di cave e discariche, di impianti sportivi, di tracciati e binari ferroviari.

FRAZIONAMENTI
Il frazionamento è un atto di aggiornamento che viene redatto per individuare porzioni di terreno per un successivo trasferimento di diritti. Le porzioni possono già essere individuate sul posto da manufatti esistenti quali muretti e/o recinzioni in genere oppure devono essere individuate dal professionista su indicazione della proprietà attraverso l’apposizione di picchetti.

In ogni caso vanno rilevate. Infatti l’oggetto primario del rilievo per il tipo di frazionamento è costituito dalle linee dividenti.
Per redigere il
tipo di frazionamento si procede al rilievo in campagna dell’oggetto del frazionamento con le relative dividenti, rilievo appoggiato a dei punti fissi individuati dai Tecnici e validati dall'Agenzia del Territorio, detti punti fiduciali, si procede successivamente all’elaborazione dei dati rilevati in campagna, a richiedere all’Agenzia del Territorio la mappa catastale e a compilare i documenti necessari mediante i programmi e le procedure informatiche messe a disposizione dall’Agenzia del Territorio, si sottopone ad approvazione della Committenza il risultato del frazionamento che viene poi consegnato all’Agenzia del Territorio, previo il deposito del tipo di frazionamento presso l’ufficio tecnico del comune ove è ubicato il terreno oggetto del frazionamento.
Ad approvazione avvenuta si procede al ritiro della documentazione approvata.
La necessità di effettuare un frazionamento catastale si presenta quando, per svariate ragioni, è necessario staccare una parte di un bene immobile dall'altra, per poi procedere alla vendita, alla divisione o anche per l’espropriazione dei beni immobili oggetto del frazionamento.


TIPI MAPPALE
Il tipo mappale è un atto di aggiornamento che viene redatto per la denuncia di nuovi fabbricati, di ampliamenti di fabbricati esistenti o conferma nelle mappe dei fabbricati rurali, con le relative pertinenze scoperte.
L’oggetto primario del rilievo è costituito pertanto dai contorni dei fabbricati oggetto di denuncia e dalla definizione delle loro pertinenze scoperte.
Per redigere il
tipo mappale si procede pertanto al rilievo in campagna del fabbricato o dei fabbricati con le relative pertinenze scoperte. Il rilievo viene sempre appoggiato a dei punti fissi, detti punti fiduciali, punti che sono individuati dall’Agenzia del Territorio e che per ognuno dei quali esiste una descrizione dettagliata e corredata anche da fotografie, denominata monografia.
Si procede all’elaborazione di tutti i dati rilevati, a richiedere all’Agenzia del Territorio la mappa catastale e a compilare i documenti necessari mediante i programmi e le procedure informatiche messe a disposizione dall’ Agenzia del Territorio, si sottopone ad approvazione della Committenza il risultato che viene poi consegnato all’Agenzia del Territorio.
Ad approvazione avvenuta si procede al ritiro della documentazione approvata.
Il nostro studio è attrezzato per predisporre la pratica e a gestirla l’intera procedura mediante il supporto telematico, compreso l’invio dei documenti ed il ritiro degli stessi approvati.
E’ possibile redigere contestualmente sia il tipo mappale che il tipo di frazionamento redigendo un’unica pratica catastale.


SERVIZI OFFERTI
Il servizio dedicato ai frazionamenti e ai tipi mappali è complementare a quello degli altri servizi catastali e, per quanto concerne i tipi mappali, propedeutici per procedere poi all’accatastamento dei fabbricati stessi.

Offriamo tali servizi ai professionisti progettisti, ai privati cittadini, sia aziende ed alle imprese costruttrici, anche a quelle che appaltano lavori pubblici, mirati alla realizzazione di opere pubbliche quali strade, ciclovie, canali, ecc., che per la realizzazione dei lavori devono prima redigere un frazionamento particellare.
Lo studio, per i rilievi in campagna, si avvale di strumenti topografici che consentono di effettuare rilievi di alta precisione. Per ottenere tali risultati, utilizziamo una stazione totale, nonché un distanziometro elettronico.
Lo studio è in grado di offrire i propri servizi principalmente nella regione Lombardia e comunque in tutte le regioni del nord Italia.


 


Lo studio, grazie alla dotazione del software “DOCFA” e con l'ausilio del sistema telematico fornito dalla società Geoweb, esegue accatastamenti di nuovi fabbricati, variazioni catastali per ampliamento, fusione o divisione, demolizione, ecc.
Il cosiddetto "DOCFA" (Documenti Catasto Fabbricati) non è altro che il software, il programma ufficiale messo a disposizione dell'Agenzia del Territorio, necessario ai tecnici come i geometri, per compilare e quindi presentare ai competenti Uffici il cosiddetto modello di "Accertamento della Proprietà Immobiliare Urbana".
Quindi con il DOCFA si possono presentare all'Ufficio del Catasto dei Fabbricati accatastamenti di fabbricati di nuova costruzione, cioè dichiarazioni di fabbricato urbano, oppure denunce di variazione (riguardanti per esempio la consistenza, la disposizione dei muri e delle stanze, la creazione di nuovi volumi, la modifica di aperture, ecc.) relative a fabbricati già esistenti e già censiti in catasto.
Quando si costruisce o si effettuano degli interventi edilizi di modifica a un immobile, alla fine dei lavori (che devono ovviamente avere un titolo abilitativo quali il Permesso di Costruire, la Denuncia di Inizio Attività, ecc.) si presenta la comunicazione di “fine lavori”.

Contestualmente alla dichiarazione di fine dei lavori, si presenta all'Agenzia del Territorio, sezione Catasto dei Fabbricati, il DOCFA, cioè l'insieme di tutte le nuove caratteristiche dell'immobile richieste dal catasto stesso e la nuova planimetria dell'immobile; da questa presentazione scaturirà un classamento (proposto dal tecnico stesso nel Docfa), che individuerà il medesimo immobile per foglio, particella e subalterno e verranno attribuiti allo stesso una categoria, una classe, una consistenza, una superficie catastale e una rendita catastale, elementi che l'Agenzia del Territorio può modificare, nei tempi previsti dalla Legge, nel caso in cui non li ritenesse congrui.

Ai sensi del comma 2 dell'art. 5 del D.M. n. 701 del 19 Aprile 1994 e successive modifiche ed integrazioni, il Dipartimento del Territorio, ha distribuito, a mezzo della Direzione Generale del Catasto, il programma informatico DOCFA (Documenti Catasto Fabbricati) ai Consigli nazionali delle categorie professionali abilitate alla presentazione degli atti di aggiornamento catastale.  Il software consente la gestione di tutti i documenti tecnici presentabili al catasto dei fabbricati:
  • Nuovi accatastamenti
  • Variazioni
  • Unità afferenti
In particolare tratta i nuovi modelli a stampa che, però, dovranno essere presentati su supporto magnetico o trasmessi per via telematica secondo le istruzioni impartite dal Dipartimento del Territorio e più precisamente:

il modello D1
il modello 1NB - I Parte       il modello 1NB - II Parte
il modello 2NB - I Parte
       il modello 2NB - II Parte
l'elaborato planimetrico
la planimetria catastale

Per visionare i documenti sopra elencati, cliccate sul modello che volete visionare.


Al fine di meglio comprendere il criterio di scelta delle categorie che vengono assegnate alle singole unità immobiliari, al fine di poter attribuire la rendita catastale, gli immobili vengono raggruppati e suddivisi in cinque gruppi, oltre al gruppo F per entità urbane prive di reddito, e più precisamente:

Gruppo  A    Gruppo  B   Gruppo  C  
Gruppo  D
Gruppo  E
Gruppo  F

  
I. - IMMOBILI A DESTINAZIONE ORDINARIA
GRUPPO A (Unità immobiliari per uso di abitazioni e assimilabili: la loro consistenza va espressa in vani)
A/1 -  Abitazioni di tipo signorile
Unità immobiliari appartenentia fabbricati ubicati in zone di pregio con caratteristiche costruttive, tecnologiche e di rifiniture di livello superiore a quello dei fabbricati di tipo residenziale.
A/2 -  Abitazioni di tipo civile
Unità immobiliari appartenenti a fabbricati con caratteristiche, tecnologiche e di rifiniture di livello rispondente alle locali richieste di mercato per fabbricati di tipo residenziale. Sono compatibili con la categoria anche quelle unità immobiliari (minialloggi) di consistenza notevolmente inferiore a quella propria delle abitazioni di tipo civile, con caratteristiche costruttive, tecnologiche, di rifinitura e dotazioni proprie della categoria.
A/3 -  Abitazione di tipo economico
Unità immobiliari appartenenti a fabbricati di economia sia per i materiali impiegati che per la rifinitura,e con impianti tecnologici limitati ai soli indispensabili. Sono compatibili con la categoria anche quelle unità immobiliari (minialloggi) di consistenza inferiore a quella propria delle abitazioni di tipo economico, con caratteristiche costruttive, tecnologiche, di rifinitura e dotazioni proprie della categoria.
A/4 -  Abitazione di tipo popolare
Unità immobiliari appartenenti a fabbricati con caratteristiche costruttive e di rifinitura di modesto livello e dotazione limitata di impianti quantunque indispensabili.
A/5 -  Abitazione di tipo ultrapopolare (in disuso)
A/6 -  Abitazioni di tipo rurale (in disuso)
A/7 -  Abitazioni in villini
Per villino deve intendersi un fabbricato, anche se suddiviso in più unità immobiliari, avente caratteristiche costruttive, tecnologiche e di rifiniture proprie di un fabbricato di tipo civile o economico ed essere dotato, per tutte o parte delle unità immobiliare che lo compongono, di aree coltivate o no a giardino.
A/8 -  Abitazioni in ville
Per ville devono intendersi quei fabbricati caratterizzati essenzialmente dalla presenza di parchi e/o giardino edificati in zone urbanistiche destinate a tali costruzioni o in zone di pregio con caratteristiche costruttive e di rifiniture di livello superiore all'ordinario.
A/9 -  Castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici
Si iscrivono in questa categoria i castelli ed i palazzi eminenti che per la loro struttura, la ripartizione degli spazi interni ed i volumi edificati non sono comparabili con le unità tipo delle altre categorie. Essi, ordinariamente, costituiscono una sola unità immobiliari. E' però compatibile con l'attribuzione della categoria A/9 la presenza di altre unità, funzionalmente indipendenti, censibili nelle altre categorie.
A/10 - Uffici e studi privati
A/11 - Abitazioni ed alloggi tipici dei luoghi (rifugi di montagna, baite, trulli, sassi, ecc.)



GRUPPO B (Unità immobiliari per uso di alloggi collettivi: la loro consistenza va espressa in metri cubi)
B/1 - Collegi e convitti, educandati, ricoveri, orfanotrofi, ospizi, conventi, seminari, caserme costruiti o adattati per tale destinazione e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni, se non hanno fine di lucro e non rientrano nell' art. 10 della legge 11 agosto 1939 n. 1249 come modificato dal D.L. 9 aprile 1948, n. 514.
B/2 -  Case di cura ed ospedali, compresi quelli costruiti o adattati per tali speciali scopi e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni se non hanno fine di lucro.
B/3 -  Prigioni e riformatori
B/4 -  Uffici pubblici
B/5 -  Scuole, laboratori scientifici costruiti o adattati per tale destinazione e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni, se non hanno fine di lucro e non rientrano nell' art. 10 della legge 11 agosto 1939 n. 1249 come modificato dal D.L. 9 aprile 1948, n. 514.
B/6 -  Biblioteche, pinacoteche, musei, gallerie, accademie che non hanno sede in edifici della categoria A/9, circoli ricreativi, quando il circolo ricreativo non ha fine di lucro e, in quanto tale, assimilabile alle unità immobiliari adibite ad attività culturali. Quando hanno fine di lucro dovranno essere censiti nella categoria propria dell' unità immobiliare, secondo l' uso ordinario della stessa.
B/7 -  Cappelle ed oratori non destinati all' esercizio pubblico dei culti
B/8 -  Magazzini sotterranei per deposito di derrate



GRUPPO C (Unità immobiliari a destinazione ordinaria commerciale e varia: la loro consistenza va espressa in metri quadri)
C/1 - Negozi e botteghe, compresi i ristoranti, le trattorie, i bar, ed i locali occupati da barbieri, modiste, orologiai ecc.
C/2 - Magazzini e locali di deposito, fienili non agricoli, soffitte e cantine disgiunte dall' abitazione e quei locali adibiti a contenere merci, manufatti, prodotti, derrate, etc. ma che non abbiano apprestamenti per mostre
C/3 -  Laboratori per arti e mestieri, impianti per lavaggio auto (se dotati di attrezzature semplici) e,
comunque, quei locali nei quali gli artigiani provvedono alla lavorazione di semilavorati in prodotti finiti
C/4 - Fabbricati e locali per esercizi sportivi, compresi quelli costruiti o adattati per tali speciali scopi e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni, se non hanno fine di lucro
C/5 - Stabilimenti balneari e di acque curative, compresi quelli costruiti o adattati per tali speciali scopi e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni, se non hanno fine di lucro
C/6 - Stalle, scuderie, rimesse, autorimesse, costruiti o adattati per tale destinazione e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni, se non hanno fine di lucro e non rientrano nell' art. 10 della legge 11 agosto 1939 n. 1249 come modificato dal D.L. 9 aprile 1948, n. 514.
C/7 - Tettoie chiuse od aperte



II. - IMMOBILI A DESTINAZIONE SPECIALE
GRUPPO D (Unità immobiliari a destinazione speciale: in genere fabbricati per le speciali esigenze di un’attività industriale o commerciale e non suscettibili di una destinazione diversa senza radicali trasformazioni)
D/1 - Opifici, cabine elettriche e autosilos dotati di impianti di sollevamento delle autovetture
D/2 - Alberghi, pensioni e villaggi turistici
D/3 - Teatri, cinematografi, arene, discoteche, parchi giochi, sale per concerti e spettacoli e simili
D/4 - Case di cura ed ospedali, quando hanno fine di lucro
D/5 - Istituti di credito, cambio ed assicurazioni
D/6 - Fabbricati e locali per esercizi sportivi, quando hanno fine di lucro
D/7 - Fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di una attività industriale e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni, compresi gli impianti per lavaggio auto, se del tipo automatico con presenza di attrezzature specifiche, le discariche per lo smaltimento di rifiuti solidi urbani con gestione reddituale ed i campi sportivi senza costruzioni o anche con semplici gradinate
D/8 - Fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di una attività commerciale e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni, compresi gli autosilos privi di impianti di sollevamento, parcheggi a pagamento, campeggi, supermercati a serre, centrali del latte
D/9 - Edifici galleggianti o sospesi assicurati a punti fissi del suolo, ponti privati soggetti a pedaggio



III. - IMMOBILI A DESTINAZIONE PARTICOLARE
GRUPPO E (Unità immobiliari a destinazione particolare che, per le singolarità delle loro caratteristiche, non siano raggruppabili in classi)
E/1 -  Stazioni per servizi di trasporto, terrestri, marittimi ed aerei
E/2 -  Ponti comunali e provinciali soggetti a pedaggio
E/3 -  Costruzioni e fabbricati per speciali esigenze pubbliche, edicole per giornali e simili, chioschi per bar, per rifornimenti di auto per sale di aspetto di tranvie, ecc., pese pubbliche, ecc.
E/4 -  Recinti chiusi per speciali esigenze pubbliche, per mercati, per posteggio bestiame, ecc.
E/5 -  Fabbricati costituenti fortificazioni e loro dipendenze
E/6 -  Fari, semafori, torri per rendere d' uso pubblico l' orologio comunale
E/7 -  Fabbricati destinati all' esercizio pubblico dei culti
E/8 -  Fabbricati e costruzioni nei cimiteri, esclusi i colombari, i sepolcri e le tombe di famiglia
E/9 -  Edifici a destinazione particolare non compresi nelle categorie precedenti del gruppo E, comprese le discariche per lo smaltimento di rifiuti solidi urbani, quando la loro gestione non configura fonte reddituale


CATEGORIA ENTITA' URBANE
GRUPPO F (Le entità urbane di tipo F sono state istituite contemporaneamente alla procedura DOCFA per identificare quei casi in cui l'u.i. non produce reddito)
F/1  -  Area Urbana.
F/2  -  Unità Immobiliare Urbana Collabente.
F/3  -  Unità Immobiliare Urbana in corso di costruzione.
F/4  -  Unità Immobiliare Urbana in corso di definizione.
F/5  -  Lastrico solare.

 


Le pratiche svolte presso l'Agenzia del Territorio, mediante il servizio telematico fornito dalla società Geoweb, consistono nel reperire dati riguardanti immobili su tutto il territorio nazionale e, a titolo esemplificativo, si possono così individuare.

Visura catastale          Visura ipotecaria          Visura CCIAA e PRA

Lo studio, grazie al collegamento telematico con l'Agenzia del Territorio è disponibile per ricerche catastali e ispezioni presso la conservatoria dei registri immobiliari sull'intero territorio nazionale. Le visure vengono effettuate con sistema telematico fornito dalla società Geoweb.
Il servizio di visura viene svolto in tempi brevissimi e siamo in grado di fornire i risultati nel giro di poche ore o pochi giorni per le ricerche complesse riferite ad una pluralità di beni in capo a soggetti diversi.

Per effettuare visure ipotecarie, catastali, alla C.C.I.A.A. ed alla Motorizzazione visitate il sito   


Visura catastale
Il servizio delle visure catastali, visure catastali eseguite anche online, consente di visionare quanto risulta dall'Agenzia del Territorio (già Ufficio del Catasto), su un determinato immobile censito nel Nuovo Catasto Terreni o nel Nuovo Catasto Edilizio Urbano ottenendone tutti i dati fiscali e le eventuali superfici catastali, se indicate.

 

La visura catastale è un documento rilasciato dall’Agenzia del Territorio, nel quale vengono riportati tutti i dati relativi all’alloggio, autorimessa, negozio, magazzino, villetta, con i dati del possessore del fabbricato o del terreno con le rispettive quote e la specifica del diritto reale come per esempio proprietario, usufruttuario, comproprietario, proprietario, ecc.
Ogni bene è identificato con il foglio, il numero o particella ed il subalterno, dati che servono per catalogare e definire esattamente l'unità immobiliare o del terreno di cui trattasi fornendo tutti i dati necessari ai fini fiscali quali:

  • la superficie catastale espressa in ettari, are, centiare per i terreni
  • la consistenza in caso di fabbricati espressa in vani per le abitazioni e uffici privati, in metri quadrati per i negozi, i laboratori, le autorimesse, e altro oppure in metri cubi nel caso ad esempio di scuole, collegi e altro.
  • la categoria catastale nel caso di un fabbricato
  • la qualità nel caso di un terreno
  • la classe che risulta essere un'ulteriore classificazione all'interno di una categoria o di una qualità
  • la rendita catastale nel caso di un fabbricato, alloggio, autorimessa negozio, magazzino o altro, dalla quale si può risalire al valore fiscale dell'immobile utile ad esempio per il calcolo dell'IMU, ICI, TASI (o quale altra sigla inventeranno)
  • il reddito dominicale e reddito agrario nel caso di un terreno
Visura Nazionale su Soggetto. Questo tipo di visura consente di visionare, con una singola richiesta, i beni immobili intestati ad un singolo soggetto nell’ambito dell’intero territorio nazionale. Si ricorda infine che i dati derivanti dalle visure catastali, secondo la legge italiana, non sono probatori di proprietà.
Elenco Fabbricati. Permette di ottenere l’elenco di tutti i fabbricati individuati con un unico foglio ed un unica particella.
Estratto di Mappa o copia di Planimetria Urbana. Consente di ottenere una planimetria, che potrà essere cartacea o informatizzata, in opportuna scala, riferita ad un immobile censito nel Catasto Terreni o nel Catasto Fabbricati. Si ricorda che per ottenere una copia della planimetria urbana è necessaria opportuna
lettera d’incarico da depositare nell’Agenzia del Territorio competente.
visure catastali
 
Visura ipotecaria
Il servizio delle visure ipotecarie, che viene espletato anche online, consente di avere:
  • un quadro esatto della consistenza immobiliare in capo ad una persona fisica o una persona giuridica (Società, ente, ecc.), rilevabile presso l’Agenzia del Territorio Servizio di Pubblicità Immobiliare competente per territorio;
  • la storia (ventennale) di un dato immobile, la esistenza della continuità delle trascrizioni ai sensi dell’articolo 2650 del C.C., e quindi la eventuale “mutuabilità”, la libertà da pesi, vincoli e trascrizioni pregiudizievoli. Questo servizio è utile, anzi essenziale, nel caso di acquisto di un immobile. Facendo la visura ventennale sarete a conoscenza di tutti i gravami inerenti all’immobile stesso;
  • l’elenco delle formalità (atti pubblici soggetti a trascrizione, iscrizione e/o annotamento) in capo ad una persona fisica o una persona giuridica, potendo se necessario restringere la ricerca per data o per tipo di formalità ad esempio: solo atti a favore - “acquisti”, solo atti contro - “vendite, pignoramenti ecc.”, solo iscrizioni - “ipoteche volontarie, ipoteche giudiziali, ipoteche legali, ecc.”;
  • l’elenco delle formalità inerenti un immobile conosciuto nella Banca Dati dell’Agenzia del Territorio Servizio di Pubblicità Immobiliare; si precisa che tale ricerca è da considerarsi non probatoria delle reali formalità gravanti sull’immobile e che essa dovrebbe essere utilizzata solo da persone esperte e in grado di valutarne la reale attendibilità.visure ipotecarie
 
Visura alle C.C.I.A.A. ed ai P.R.A.
Grazie al collegamento telematico sono inoltre ispezionabili anche le banche dati delle Camere di Commercio e del Pubblico Registro Automobilistico.
Le visure alla Camera di Commercio, dette anche visure camerali che vengono espletate anche online, sono dei documenti che riportano le principali informazioni legali, economiche ed amministrative di una azienda così come risulta dal Registro delle imprese tenuto dalla Camera di Commercio. Sono disponibili nella versione visura camerale Ordinaria che fotografa la situazione attuale dell' azienda, oppure nella versione visura camerale Storica che segnala anche le modifiche aziendali intervenute nel corso del tempo.
Il Pubblico Registro Automobilistico (P.R.A.) è l’archivio che contiene le informazioni sui beni mobili registrati. La visura permette di verificare il nominativo dell’intestatario di un veicolo e la presenza di eventuali ipoteche gravanti sul bene. Le visure, tutte eseguite online, si possono effettuare per numero di targa o di telaio ed è anche possibile eseguire la visura storica online per proprietario.
visure camerali
 


sicurezza cantieriIl Coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione e di esecuzione dei lavori svolge un ruolo delicato e complesso all'interno dell'iter di vita del cantiere.

Questa è una figura chiave della prevenzione e della lotta agli infortuni, svolge infatti anche compiti di gestione e relazione con le figure del committente, del responsabile dei lavori, dell'appaltatore.


Il piano di sicurezza e coordinamento per i cantieri mobili e temporanei, redatto ai sensi del Decreto Legislativo 14 agosto 1996, n. 494 "Attuazione della direttiva 92/57/CEE concernente le prescrizioni minime di sicurezza e di salute da attuare nei cantieri temporanei o mobili", del Decreto legislativo 19 novembre 199, n. 528 e successive modificazioni ed integrazioni, normative che, unitamente ad altre normative in materia, sono state abrogate e sostituite dal
Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81, quale Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro e più precisamente, per quanto concerne la sicurezza nei cantieri mobili e temporanei, nel Titolo IV del decreto. Come si può vedere dal sommario del decreto, lo stesso affronta tutta la materia della sicurezza sui luoghi di lavoro.
 
sicurezza cantieriMolteplici sono le novità contenute nel  
Titolo IV del D.Lgs. 81/2008 rispetto alla legislazione previgente. Soprattutto nel Capo I, dove trovano corpo le norme di recepimento della direttiva 92/57/CE che sostituiscono il D.Lgs. 494/96, riguardante le misure per la salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili, si notano immediatamente alcune novità di immediata percezione (ad esempio come l’identificazione dei soggetti che possono assumere l’incarico-delega di Responsabile dei lavori o i nuovi casi di designazione dei  coordinatori per la sicurezza, la definizione dei requisiti tecnici professionali delle imprese e dei lavoratori autonomi e il riconoscimento del ruolo importante rivestito dall’impresa affidataria o appaltatrice nell’ottica generale della sicurezza in cantiere) sino a quelle novità meno evidenti come la nuova ridefinizione dei contenuti minimi del piano di sicurezza e coordinamento e la specificazione dei contenuti minimi del fascicolo (ex fascicolo degli interventi ulteriori).

Lo studio esegue stime, perizie e valutazioni immobiliari al fine di poter determinare, ad esempio, il più probabile valore di mercato di un bene, per determinare il canone di locazione di un immobile abitativo commerciale o agricolo, oppure per trovare il valore di trasformazione, a seguito di ristrutturazione, trasformazione d’uso o costruzione, oppure ancora per procedere ad una valutazione analitica nel caso di aziende agricole.
Le perizie eseguite dallo studio servono altresì a determinare il valore dell'immobile da concedere a garanzia al fine di:
  • ottenere un mutuo;
  • ottenere un prestito;
  • stipulare un contratto di leasing;
  • procedere allla richiesta di danni a terzi;
  • redimere discussioni testamentarie.
Le stime sono normalmente richieste anche da chi decide di acquistare, vendere, ristrutturare o affittare un immobile, oppure per la valorizzazione o la valutazione di lavori eseguiti o da eseguire su qualsiasi compendio immobiliare.
La stima o perizia si estrinseca prendendo visione dell’immobile da valutare, effettuare le verifiche catastali ed ipotecarie se richieste, verificare la regolarità edilizia ed urbanistica se richiesta e fornendo in breve tempo, a seconda della  richiesta, un giudizio di stima o la valutazione analitica.


Di seguito si riporta, a mero titolo esemplificativo, le prestazioni per le quali lo studio è in grado di fornire la propria professionalità ed assistenza tecnica:
  • Perizie per affitti di fondi rustici ed urbani
  • Stime nelle procedure per espropriazioni
  • Stato di consistenza ed inventario di fondi rustici e fabbricati
  • Perizie di stima di immobili per pratiche di mutuo
  • Stime del valore di mercato di fabbricati civili, artigianali, commerciali e industriali
  • Perizie di stima dei danni a fabbricati
  • Stime di terreni agricoli ed edificabili
  • Asseverazione di perizie presso gli Uffici Giudiziari
  • Progetti divisionali con formazione di quote
  • Stime e perizie per divisioni immobiliari
  • Consulenze tecniche di parte


Lo studio, grazie all'esperienza maturata ed alla collaborazione professionale con stimati professionisti quali Notai, Ragionieri e Dottori Commercialisti, è in grado di fornire consulenze tecniche ed assistenza qualificata in vari settori, tutti riguardanti la sfera del patrimonio immobiliare e/o rapporti scaturenti nella gestione dello stesso patrimonio immobiliare.
A puro titolo esemplificativo si riportano i settori di maggior interesse che, integrano e completano l'offerta dei servizi tecnici forniti e descritti in altre parti del sito.

Consulenza per successioni ereditarie
Consulenza condominiale
Consulenza per vendite, permute ed affitti

     Consulenza per successioni ereditarie
Lo studio fornisce informazione, assistenza, consulenza e servizi per compilazione di denunce di successione, di atti testamentari, di domande di voltura per riunione di usufrutto, oltre alla predisposizione di memorie per testamenti pubblici e progetti di divisione ereditaria. La dichiarazione di successione deve essere presentata entro 12 mesi dalla data di apertura della successione, ovvero la data del di decesso della persona.

I soggetti che sono tenuti a presentare la dichiarazione di successione sono :
             a) gli eredi ed i legatari;
             b) i soggetti immessi nel possesso, sia pure temporaneo, dei beni del defunto;
             c) gli amministratori dell'eredità;
             d) i curatori delle eredità giacenti;
             e) gli esecutori testamentari.
A titolo indicativo si riportatano alcuni dei documenti necessari per la compilazione delle denuncie, da allegare in fase di presentazione:

  • Certificato di morte del defunto (de cuius);
  • Certificato o autocertificazione dello stato di famiglia del de cuius e dei suoi eredi, riportanti i dati di residenza e i dati anagrafici delle altre persone che compongono il nucleo familiare.
  • Certificato di Destinazione Urbanistica o autocertificazione inerente la destinazione urbanistica dei terreni caduti in successione
  • Certificati catastali o visure catastali relative a tutti i beni immobili caduti in successione
  • Codice fiscale e dati anagrafici del de cuius e dei suoi eredi
  • Eventuale copia della pubblicazione del testamento.
Riportiamo un breve cenno per aiutare a capire cosa sono le successioni ereditarie.
Le successioni ereditarie rappresentano il subentrare di determinati soggetti in tutti i rapporti attivi e passivi del de cuius, definito patrimonio ereditario, asse ereditario o eredità.  Il Codice civile distingue tra successione legittima e successione testamentaria non facendosi luogo alla successione legittima se non quando manca, in tutto o in parte, quella testamentaria. 
La successione legittima è la successione di taluni parenti legati al de cuius da stretti legami di parentela che il legislatore riconosce come soggetti meritevoli di ricevere una quota del patrimonio ereditario. 
La successione testamentaria è, invece, la tipologia successoria che nasce e viene ad essere determinata dall'esistenza di un testamento olografo, pubblico o segreto del testatore. 
Nella successione, sia essa legittima o testamentaria, il chiamato all'eredità deve optare se accettare l'eredità o se rinunciare alla stessa entro un determinato lasso di tempo che varia a seconda se il chiamato - erede sia o meno nel possesso dei beni ereditari.  Se il chiamato - erede (che sia, coniuge, figlio, genitore, ascendente del de cuius o soggetto estraneo), è nel possesso di beni ereditari, egli potrà rinunciare all'eredità nel breve termine di tre mesi dall'apertura della successione, cioè dalla morte del de cuius, altrimenti verrà considerato erede puro e semplice. 
Per il chiamato - erede che non sia nel possesso dei beni ereditari l'accettazione di eredità dovrà essere fatta espressamente (accettazione espressa dell'eredità), altrimenti egli perderà, decorsi dieci anni dall'apertura della successione, il diritto di accettare l'eredità per prescrizione. 
Il chiamato all'eredità ha, tuttavia, la facoltà di rinunciarvi mediante un atto di rinuncia formale che deve essere presentato e ricevuto o da un notaio o dal Cancelliere del Tribunale in cui si trova il domicilio del de cuius. 
L'atto di rinuncia deve poi essere iscritto nel registro delle successioni e trascritto nei registri immobiliari. 
Il chiamato all'eredità ha, tuttavia, una terza opzione oltre quella di accettare o rinunciare all'eredità, può accettare l'eredità con beneficio d'inventario. 
Il beneficio d'inventario ha l'effetto di tenere separati il patrimonio dell'erede da quello del cuius. 
Ciò significa che, per le passività ereditarie, risponderà solo il patrimonio ereditario e l'erede non sarà costretto a pagare con denaro o beni propri; tale accettazione è, pertanto, consigliabile ove nella massa ereditaria le passività siano superiori all'attività sicché, con l'accettazione beneficiata, non si correrà il rischio di pagare, con beni propri, i debiti ereditari. 
Quanto detto vale ai soli fini civilistici.
Si consiglia comunque prima di intraprendere la pratica di rivolgersi ad un Professionista qualificato.

 
     Consulenza condominiale
Lo studio fornisce consulenza ed assistenza per tutto quanto concerne le questioni condominiali quali, per esempio:
  • Ripartizione delle spese condominiali ordinarie e straordinarie tra i vari condomini; ad esempio: il costo per la sostituzione delle funi dell'ascensore deve essere ripartito sulla base dei millesimi di proprietà o di quelli dell'utilizzo dell'ascensore?
  • Calcolo e verifica di millesimi; ad esempio, se sono sorti dei dubbi sull'esattezza dei millesimi o se si deve procedere ad una rettifica a seguito di una dimenticanza o per un ampliamento del numero di unità;
  • Interpretazione del regolamento condominiale e applicabilità delle normative vigenti; ad esempio, se il regolamento riporta il divieto di tenere gli animali nel proprio alloggio.
  • Liti condominiali in genere
  • Liti tra privati in condominio; ad esempio, se il proprietario del piano soprastante non ripara una perdita derivante dal suo alloggio e continua a bagnare il soffitto del vostro appartamento.
  • Verifica dei conteggi; ad esempio, vi è stato recapitato il riparto consuntivo della gestione del vostro stabile e avete dei dubbi su di esso;
  • Rapporti tra proprietari e inquilini; ad esempio, dovete chiedere all'inquilino il rimborso delle spese condominiali di sua competenza ma avete dei dubbi su quali siano e sugli importi;
  • Informazioni generali sulle normative tecniche vigenti in materia di ascensori, antincendio, caldaie, emissioni di fumi, antenne paraboliche e terrestri, abusi edilizi, scarichi, distanze legali, ecc.

     

     Consulenza per vendite, permute ed affitti
Lo studio fornisce a Società, Imprese e Committenti privati puntuale consulenza ed assistenza tecnica relativa al settore immobiliare per quanto concerne le compravendite, le permute e le locazioni sia di immobili residenziali, commerciali, produttivi e sia di fondi rustici e di fabbricati rurali.
Diamo qui di seguito un elenco, non esaustivo, dei servizi forniti:

  • verifica della documentazione relativa all'immobile in vendita o in affitto
  • valutazione commerciale della porzione immobiliare oggetto della transazione
  • verifica dell'eventuale esistenza di iscrizioni o trascrizioni pregiudizievoli
  • definizione dell'iter da seguire per la compravendita
  • predisposizione della documentazione utile per l'atto notarile
  • assistenza all'atto notarile
  • offerte ed analisi delle migliori forme di finanziamento
  • raccolta di elementi utili alla proprietà per verificare le referenze relative al conduttore
  • analisi di opportunità relative ad operazioni immobiliari
  • perizie e consulenze complete
  • valorizzazione degli immobili
  • consulenza tecnico progettuale
  • interventi di ristrutturazione per ristabilire la funzionalità dell'immobile
  • assistenza tecnica per consulenze legali e notarili
  • gestioni patrimoni immobiliari per conto terzi


Il geometra Rinaldo Oprandi ha ottenuto l'abilitazione per svolgere la mediazione civile commerciale ai sensi del D.Lgs. 4 marzo 2010 n. 28 presso Organismi accreditati dal Ministero della Giustizia.

Dal 21 marzo 2011 la mediazione è obbligatoria nei casi di una controversia in materia di:
  • diritti reali (distanze nelle costruzioni, usufrutto e servitù di passaggio ecc.)
  • divisione
  • successioni ereditarie
  • patti di famiglia
  • locazione
  • comodato
  • affitto di aziende
  • risarcimento danni da responsabilità medica e da diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità,
  • contratti assicurativi, bancari e finanziari

L’obbligatorietà per le numerosissime controversie in materia di condominio e risarcimento del danno derivante dalla circolazione di veicoli e natanti è stata differita al 20 marzo 2012 per consentire un avvio graduale del meccanismo.